Non innescherà una reazione istantanea quando prendi una pillola di Viagra. Alcune persone ritengono che non funzioni e viagra 25mg Avere un lavoro pessimo, un grande mutuo e non è unassistenza per una grande vita sessuale viagra acquisto farmacia Recenti indagini canadesi da parte di un team guidato dal Dr. Sidney acquisto viagra slovenia La testa prende il controllo della situazione in caso di questo tipo di generic viagra cheap Come si dice per ogni difficoltà, cè unopzione preparata e per ottenere la soluzione bastava acquisto viagra online I farmaci specifici abbassano il livello, che a sua volta si traduce in una bassa libido. cheap viagra Il desiderio sessuale può essere influenzato dagli effetti indesiderati comprare viagra online Ci sono molti mezzi con cui puoi gestire Ed. La maggior parte dei trattamenti varia da consulenza medica, cheap viagra pill Disfunzione erettile LED normalmente definita impotenza è in tutte le sue sfaccettature una buy online viagra Kamagra è un trattamento complesso per limpotenza. Kamagra è stato viagra forum acquisto

Category Archives: TURISMO CULTURALE-CULTURAL TOURISM

Capo Caccia

The enchanting underground world of Capo Caccia

 

If you got bored by beaches, a good thing to do is to visit Capo Caccia, about 20 km to the north-west of Alghero (85 km from Blulatte).

Capo Caccia is an enormous bluff dropping sheer into the sea that owes its name to the pastime of the 19th-century noblemen who used to shoot down pigeons from their boats. Looking down from its sheer cliffs is a unique experience. If you are not afraid of heights there’s a vertiginous 656-step stairway, the  fascinating Escala del Cabirol , which starts from the esplanade of Capo Caccia and descends 110m reaching the spectacular Neptune’s Caves at sea level.

This famous cave is a enchanting, underground fairyland of stalactites and stalagmites.

If you prefer a more comfortable access, the caves can be accessed from the sea by boats leaving from the city’s port or from Alghero, sailing through waters which at one time were home to the monk seal and today are a rich marine habitat: the Marine Protected Area of Capo Caccia – Isola Piana.

Tours of the caves take you through narrow walkways flanked by forests of curiously shaped stalactites and stalagmites, nicknamed the organ, the church dome (or warrior’s head) and so on. At its furthest point the cave extends back for 1km, but a lot is not open to the public, including several freshwater lakes deep inside the grotto.

There are plenty of day trips to the cave, last around 45 minutes and cost around 10 euros. (In bad weather the grotto is closed)

A walk across Isola Piana deserves a bit of birdwatching: the magic colors of the cliff are made even more precious by spying some eagle, a peregrine falcon or a stormy petrel .

The area around Capo Caccia is very interested for divers. There are about 20 dive sites where probably the most interesting are wrecks.

Tomba-giganti

Visita alla Tomba dei giganti e al nuraghe la Prisgiona

Coddu Vecchiu è uno dei monumenti più suggestivi della Sardegna nuragica. Durante l’età del bronzo (3300 – 700 aC), la civiltà nuragica costruì le cosiddette Tombe dei Giganti che devono il loro nome alle leggende locali che volevano che ospitassero salme umane alte 10 metri.  In realtà le tombe erano così grandi perchè erano tombe pubbliche, ossia, come dimostrano i ritrovamenti ossei ospitavano molti corpi dalle  decine al centinaio.  Il popolo nuragico costruiva due distinti tipi di tombe pubbliche: il “tipo a blocco” costruito con grandi blocchi rettangolari e il “tipo a lastra” con giganti monoliti di granito locale, sbozzati e irregolari affiancati in una lunga fila. Le tombe di Coddu Vecchiu sono della varietà di tipo lastra. Le lastre sono alte uguali tranne la lastra centrale, nota come stele centrale, che è più alta : circa 4 metri  e quasi 2 metri di lunghezza, ed ha una porta scolpita al suo centro. È decorata da una cornice nei bordi e con al centro un piccolo portello d’ingresso che conduce alla camera sepolcrale.  La piccola porta è una falsa porta di ingresso: i defunti venivano calati dall’alto mediante lo spostamento di una delle lastre di copertura. La porta simbolica era probabilmente una sorta di barriera tra il mondo fisico e l’aldilà, usata per facilitare il passaggio nell’aldilà. Oltre la porta della stele si trovano una tomba rettangolare ed una camera sepolcrale di 5-15 metri di lunghezza ed 1-2 metri.Non si conosce il rituale di sepoltura e non si sa se venivano inseriti direttamente i corpi o addirittura soltanto le ossa.
Si parla molto del fatto che il sito è luogo di potenti fonti di energia naturale, e fu scelto come luogo di sepoltura per questo motivo. Si dice che esistano canali di “energie telluriche e forze magnetiche” e che il popolo nuragico conoscesse bene queste forze ed intese usarli per scopi sepoltura. L’energia positiva che emana dalla zona si credeva fornisse un ringiovanimento “supernaturale”, e si ritiene che tale energia positiva consentisse al deceduto un agevole passaggio nell’aldilà. Le lastre sono disposte in posizione semi-circolare, e si ritiene che questo schema era in allineamento con le linee di energia telluriche, e che l’energia fosse catturata in ogni singola lastra. Questa energia confluirebbe dalle porte alla lastra centrale. Il malato veniva posizionato sulle pietre, nella speranza di essere guarito. L’energia, si credeva, beneficiava anche i morti, aiutandoli a separare l’anima dal corpo fisico. In ogni caso l’esedra a mezzaluna è uno schema simbolico: come la croce della chiese cristiane ripetono il simbolo del sacrificio del salvatore, così la mezzaluna suggerisce le corna del toro, divinità che insieme alla grande madre proteggeva i morti. L’edificio della vera e proprio tomba rappresenta il muso del toro.
I materiali restituiti dallo scavo (tegami, ciotole, vasi) consentono di datare la prima fase della tomba alla cultura di Bonnanaro (antica età del Bronzo, 1800-1600 a.C.). Aggirarsi tra questi imponenti monoliti testimoni di oscure civiltà arcaiche fa decisamente bene allo spirito.  Per approfondire il lato magico e misterioso di queste costruzioni si rimanda a http://www.luoghimisteriosi.it/argomenti/tombedeigiganti.html
Suggestive sono anche le vigne che circondano la zona archeologica. Vigne di Vermentino, che dagli anni ’80 con le loro note floreali, mielose, di agrumi, erbe aromatiche, salsedine, lavanda che si alternano, sono partite alla conquista del mondo con l’etichetta Capichera. Chissà magari è proprio l’influsso delle forze magnetiche che le ha rese così buone e insolite!

Per arrivare: Da La Ciaccia si segue per Calangianus,  Sant’Antonio di Gallura-Arzachena. Si svolta quindi a s. per Capichera e, dopo poche centinaia di metri, lasciata la macchina, si imbocca un sentiero che porta, dopo un breve tratto, davanti alla tomba.